Rhêmes-Saint-Georges

Evento periodico

Lungo il torrente Regou, T. Mont Fra e il T. Bioula si sono generate periodicamente colate detritiche che hanno interessato la viabilità regionale;

Una Colata detritica lungo il T. Regou, innescatasi a seguito del fenomeno temporalesco del 2 luglio, ha causato l’ostruzione da parte del materiale terroso lapideo, della S.R. n. 24 sino al bivio per la frazione Proussaz.

Anche il 25/07/2015 i detriti trasportati dal torrente hanno invaso la strada regionale depositando materiale su un tratto di circa 200 metri.

Il 4 giugno 2011 il materiale detritico ha invaso la carreggiata per un tratto di 120 metri lineari e 2 metri di altezza.

Si sono verificate colate detritiche anche il 28 luglio 1999, l’8 agosto 1989, il 4 agosto 1986, il 6 luglio 1986, il 2-3 agosto 1982 (anche lungo il T. Bioula e Mont Fra).

2008

26 maggio

Precipitazioni intense e prolungate provocano un evento alluvionale nel Torrente Savara e nella Dora di Rhemes. Si sono infatti registrate forti erosioni spondali in destra e sinistra idrografica della Dora di Rhemes con danni alla viabilità e l’esondazione di un rivo secondario posto in sinistra idrografica rispetto alla Dora di Rhêmes a valle della località Champ-Chevalé.

2000

13-16 ottobre

L’alluvione che colpisce tutta la Valle ha provocato in questo comune l’ingrossamento della Dora di Rhêmes con erosioni delle sponde in loc. Les Fabbriques, in loc. Melignon e piccole esondazioni di fronte a Frassiney. Hanno esondato diversi torrenti minori quali il t. Lorguibet, il T. Champromenty, T. Arbérard, T. Courthoud e il T. Dgioué e si sono verificate colate di detrito lungo il e il T. Regou.

1996

24 luglio

Un evento di notevole gravità si è abbattuto il 24 luglio sulla zona Sud Occidentale della Valle d’Aosta; in particolare in questo comune si sono verificati dissesti in quota legati all’abbondante ruscellamento diffuso con approfondimenti dell’alveo e fenomeni di trasporto di massa sui conoidi. Cospicui i danni alle infrastrutture turistiche e alla viabilità regionale.

1993

22-25 settembre

Un’alluvione colpisce numerose località della valle; ‘Decine di abitazioni invase dall’acqua, tronchi e terra ostruiscono le paratoie dell’ENEL, l’acqua straripa e dilaga nel territorio’. Le precipitazioni prolungate causano danni all’acquedotto, danni alla viabilità regionale e comunale e alle colture.

1991

9 marzo

In seguito alle ultime abbondanti precipitazioni si è staccata una frana interessando un terreno coperto da pascoli ed alcuni frassini – danni alle colture agrarie.

1987

luglio

Eccezionali avversità atmosferiche colpiscono tutta la valle arrecando danni anche nel comune di Rhêmes-Saint-Georges.

1977

8 maggio

Una frana provocata dal grande afflusso di acqua proveniente da monte, si è abbattuta sui prati di Plan Pràz arrecando danni ai prati sottostanti.

1972

14 agosto

In seguito ad intense precipitazioni si verifica un debris flow della Dora che distrugge la stazione di misura, ostruita dai grossi massi trasportati dalla piena.

1957

13 giugno

Un’alluvione colpisce tutta la valle; a causa della ‘Disastrosa piena della Dora di Rhemes’ in questo comune vengono asportate due case, la segheria, il corpo stradale per ml 200, viene interrotto l’acquedotto in loc. Voeux, asportato il ponte in muratura detto Sarral, asportati 2 ponti in legno.

In corrispondenza dell’attraversamento del torrente Regout una frana ha ostruito la strada per 80 metri e per un’altezza media di 1.4 metri

1954

In seguito a piogge torrenziali si verifica un debris flow del T. Bioula – ostruita la strada, ostruito l’imbocco della galleria presente sulla conoide di deiezione.

1952

10 dicembre

A causa della degradazione del versante e della forte pendenza dello stesso numerosi sono i debris flow dei vari affluenti della Dora; numerose sono le segnalazioni delle sistemazioni idrauliche da effettuare.

1920

22-25 settembre

La pioggia incessante accompagnata da fulmini e tuoni, causa la diversione della Dora di Rhemes ad Artalle ‘Près du hameau d’Artalle, elle a eu la nostalgie d’un ancien lit, …’distruggendo il grande ponte presente.

2014

17 febbraio

Valanga di Courthoud
Catasto Regionale Valanghe 14-027

La notte tra il 16 e il 17 febbraio (all’una di notte), dal ripido versante idrografico sinistro della Val di Rhêmes, tra la Pointe-de-la-Louetta (3212 m) e il Col de Tsaboc, si stacca una valanga di dimensioni eccezionali.
Questa valanga è ben conosciuta e temuta dai residenti delle frazioni di Courthoud e Proussaz, abitate durante tutto il periodo invernale.
La valanga, scendendo verso valle,  va a sollecitare un manto già molto instabile, tanto che innesca al suo passaggio il distacco di numerosi altri lastroni superficiali che, scendendo di quota, si accrescono sia in estensione sia di numero. Si stima che il distacco nella sua interezza superi un’estensione lineare di 1300 m e presenti anche altezze della frattura prossime ai 2 m.
A 1678 m, dopo aver aggirato una dorsale, il soffio investe, senza arrecare gravi danni la parte settentrionale di Courthoud (1678 m).

Al di sotto dell’abitato di Courthoud, il flusso valanghivo si apre interessando più a nord gli abitati di Planpraz (1609 m) e Mougnoz (1486 m) e a sud l’impianto per la produzione idroelettrica, posto a pochi metri del greto della Doire. La porzione nubiforme riesce a investire numerose case dell’abitato di Proussaz (1436 m). La valanga, oltre la strada regionale, risale per circa 20 m di dislivello il versante opposto della Val di Rhêmes, trova l’edificio dell’acquedotto e, poco dopo, arresta la sua corsa avendo percorso all’incirca 1700 metri di dislivello.

La parte densa della valanga, composto da neve ricca di terra e sassi e dalla forma molto irregolare, in alcuni punti supera anche i 7 metri di altezza, si arresta a meno di 20 metri dalle case di Proussaz, sui prati posti a sud del paese.

Storicamente le prime testimonianze della valanga risalgono al 21 dicembre del 1800, quando travolge ed uccide 6 persone che si trovano nei pressi del letto del Torrent de Courthoud intente a derivare le acque per portarle verso il villaggio.

Il 4 maggio 1846 una donna e suo figlio di 13 anni vengono investiti ed uccisi dalla valanga probabilmente composta da neve primaverile.

Il 10 marzo 1931 ostruisce la Doire de Rhêmes, tanto che questa in pochi giorni forma un lago che va a danneggiare il ponte che collega l’abitato di Proussaz alla strada di fondovalle. Il soffio della valanga riesce ad asportare l’avantetto della scuola e della cappella di Courthoud.

Alle ore 6.00 del 14 gennaio 1942 il soffio asporta nuovamente l’avantetto della scuola e della cappella.

Il 20 febbraio 1951 il flusso valanghivo scorre in un canalone già ricolmo di accumuli precedentemente depositatisi, riesce ad assumere una traiettoria anomala e ad interessare ancora l’abitato di Courthoud. Questa volta riesce a distruggere le case poste al limite settentrionale e a provocare, con il crollo delle stesse, il decesso di due persone.

Nel 1959 danneggia una casa (non è riportato in quale frazione).

Il 14 dicembre 1981 la valanga, a monte del villaggio di Proussaz, lo investe uscendo dal suo letto abituale di scorrimento. Alcune abitazioni subiscono leggeri danni.

Dalla relazione del Corpo forestale si evince che il 24 gennaio 1984 riesce a interrompere la strada comunale, quella regionale per circa 150 metri, la linea telefonica e isolare Proussaz.

Per approfondimenti : Rendiconto nivometereologico 2013/2014

2011

16 marzo

Valanga Lorguibet
Catasto Regionale Valanghe 14-049

La valanga in oggetto si trova in destra orografica della Valle di Rhêmes, a pochi km dalla frazione di Mélignon, nei pressi del Torrent Lorguibet.

L’evento del 16 marzo 2011 è insolito se paragonato a quelli del passato. Infatti la valanga in questione non è di notevoli dimensioni, ma riesce comunque a raggiungere la strada regionale ed ostruirla per 25 metri, proprio all’imbocco meridionale della galleria.
Era dal 1986 che la sede stradale non era interrotta dalla valanga Lorguibet, anche perché, nel 1985 è stata costruita una lunga galleria paravalanghe a protezione della strada regionale: di fondamentale importanza per la messa in sicurezza del tratto di strada tra le frazioni di Mélignon e Artalle.

A catasto non erano censiti eventi di questa valanga capaci di scorrere lungo l’impluvio ed evitare l’imponente galleria paravalanghe.

Questa valanga è ben conosciuta dagli abitanti della Valle, storicamente viene segnalata 16 volte dal 1971 al 2011, con una frequenza media di un evento ogni 2 o 3 anni. In almeno 5 di questi casi la valanga interrompe la strada regionale n. 24 della Val di Rhêmes bloccando così la circolazione stradale. Citiamo alcuni eventi più interessanti: il 14/03/1972 la valanga distrugge una baita (localià non riportata), il 10/03/1975 la stessa raggiunge la strada regionale n. 24 e la ostruisce per circa 80 m, il 01/04/1981 la massa nevosa dopo aver attraversato la strada regionale n. 24 riesce a raggiungere il letto del torrente, l’08/04/1986 la valanga di neve bagnata arreca danni ingenti al bosco ed ostruisce la strada regionale n. 24.

Per approfondimenti : Rendiconto nivometereologico 2010/2011

INVA © Copyright - Portale Casa e pericoli - 2020